Come scegliere il misuratore di pressione

Commenti: 0 Letture: 189

Perché misurare la pressione sanguigna

La pressione sanguigna è uno degli indici di valutazione della buona salute di un individuo e non è mai costante, varia molte volte nell’arco della giornata. Monitorarne l’andamento è utile per tutti. Per chi fa prevenzione, per chi ha costantemente i valori bassi (ipoteso) e per chi, a seguito di esami clinici, sa di averla alta (ipertensione) e deve riportare i valori quotidiani al proprio medico.

Avere un apparecchio misuratore di pressione in casa è la soluzione più comoda e pratica ed evita fattori esterni che influenzerebbero la misurazione e quindi la giusta valutazione dei dati.

Misuratori di pressione manuali o analogici

Questi misuratori sono conosciuti anche come sfigmomanometri ad aneroide. Sono composti da bracciale (regolabile e gonfiabile) pompetta per gonfiare manualmente il bracciale e manometro che trasforma la pressione rilevata in lettura. Questi modelli di misuratori sono utilizzati dal personale medico e paramedico che lo utilizza in abbinamento allo stetoscopio, in modo da rilevare il battito cardiaco e per rilevare la pressione massima (sistolica) e minima (diastolica) e con l’uso di un orologio anche le pulsazioni al minuto. In questo caso abbiamo un sistema di misurazione sanguigna molto preciso ma, com'è facilmente intuibile, poco adatto all'uso domestico ed alla automisurazione.

Misuratori di pressione elettronici o digitali 

Possiamo sicuramente considerare tali misuratori come i più diffusi e pratici per l'utilizzo domestico. Sono formati da un bracciale collegato direttamente all'unità elettronica. Sono molto facili da utilizzare. Basta mettersi comodi, inserire il bracciale, accendere il dispositivo e aspettare che svolga il suo lavoro. Provvederà a gonfiare il bracciale fino al punto giusto e incomincerà a rilevare tutti i dati necessari durante lo sgonfiamento. La facilità d'uso li rende pratici per tutti, anche per le persone anziane che non devono svolgere operazioni complesse. Di questo tipo di misuratore troviamo due versioni: il classico apparecchio per la rilevazione al braccio e il nuovo misuratore di pressione digitale per il rilevamento al polso. Sono piccoli, compatti, stanno in un contenitore apposito e, in molti casi, offrono la possibilità di memorizzare le varie misurazioni, riportando data ed ora indicando anche il numero dei battiti cardiaci.

Come valutarne l’acquisto?

Quando avete deciso quale tipo scegliere per acquistare un misuratore di pressione sanguigna è bene valutare questi elementi:

  • CHI lo deve usare, per esempio se è destinato ad una persona anziana è meglio scegliere il modello più semplice in assoluto con il display grande e l'utilizzo intuitivo.
  • DOVE lo deve usare. In viaggio per esempio sarà più comodo e semplice quello da polso, in casa quello da tavolo è il più usato
  • QUANDO bisogna usarlo. Secondo le indicazioni del Medico ma più misurazioni al giorno ci sono da fare più il misuratore deve avere qualità nei materiali
  • BRACCIALE è fondamentale per una buona rilevazione della pressione che sia della misura adatta per aderire perfettamente al braccio della persona diversamente si potrebbero avere valori non giusti. Per un braccio sottile o un braccio grosso esistono bracciali di ricambio optional   

È importante ricordare che il misuratore di pressione nuovo è sempre affidabile e che le linee guida di questi apparecchi consigliano di fare tre misurazioni a distanza di cinque minuti l'una dall'altra.

Commenti

Lascia un commento